Scarica la tua rivista!


image

Le catene sono prodotti molto diffusi e che trovano applicazione in numerosi ambiti. Anche per tale motivo, molte delle aziende del settore puntano sulla realizzazione di modelli personalizzati. “Realizzare articoli su misura per le esigenze dei clienti è uno dei nostri punti di forza, un elemento di distinzione dalla concorrenza”, sottolinea Walter Cortina, reponsabile commerciale di 3C Catene. “Tutti i nostri prodotti possono essere personalizzati per finiture e confezioni ed essere adeguati agli standard di catalogo del cliente oppure essere forniti direttamente con il loro marchio. Siamo anche specializzati nella fornitura di articoli già pronti per l’applicazione finale per quelle aziende che li utilizzano direttamente nei loro prodotti o all’interno dei processi produttivi. Così facendo, il cliente risparmia costi interni per il taglio dello spezzone di catena e per l’assemblaggio con eventuali minuterie, ottenendo un prodotto ‘chiavi in mano’ immediatamente disponibile per l’utilizzo finale”. “Riuscire a capire e soddisfare le esigenze del cliente è un punto di forza della nostra azienda”, gli fa eco Andrea Segalla, amministratore delegato di CVM. “Oltre alle varie personalizzazioni (bar code, imballi eccetera) possiamo realizzare prodotti ad hoc per usi più diversi e ‘fuori’ dal nostro standard: per esempio, le catene in plastica nei colori oro, argento o tricolori per ricorrenze nazionali”. “Oltre che la possibilità di prodotti diversi e a misura, negli ultimi anni abbiamo dato ai clienti sempre più l’opportunità della singola personalizzazione per quanto riguarda l’imballo e il private label con propri marchi, codici, articoli e bar code, diversificando quindi i vari prodotti/articoli cliente per cliente”, sottolinea Andrea Scaioli, socio amministratore di Scaioli Catene.


Vasto assortimento

Nonostante le aziende siano attrezzate per realizzare modelli in base alle richieste dei clienti, hanno gamme piuttosto ampie. “La nostra gamma catene è composta da una decina di modelli, che vanno dall’anello di diametro 2 mm fino alla più grande, di 10 mm”, spiega Andrea Segalla di CVM. “Inoltre, abbiamo il modello con l’anello allungato e quello tipo ‘marino’. Tutte le nostre catene sono prodotte in Italia, il materiale utilizzato è LDPE puro e rispecchiano tutte le normative REACH attualmente in vigore”. Il catalogo di Scaioli Catene lo illustra Andrea Scaioli: “Copriamo l’intera gamma delle catene saldate zincocromate unitamente a tutte le tipologie di catenine e catene decorazione non saldate. Infatti, siamo tra i pochi produttori, da oltre 50 anni, di tali articoli”. “Commercializziamo esclusivamente gli articoli che produciamo, eccetto che alcune minuterie che acquistiamo da partner del territorio”, premette Walter Cortiana di 3C Catene. “Pur avendo quindi una produzione di ‘nicchia’, cerchiamo di approfondire costantemente la gamma del catalogo secondo le indicazioni del mercato e sfruttando i miglioramenti del nostro processo produttivo avvenuti nel corso degli anni. Produciamo catene saldate e non saldate con diametri da 1,30 a 3,90 mm in ferro e acciaio inox. Da qualche anno, poi, abbiamo inserito nella gamma maglie e anelli sia saldati sia non saldati, con lo stesso range di diametri e di materiali delle catene”.

 

In ferramenta e in GD

Ci sono modelli di catene più indicate per le ferramenta e altri più adatti alla GD? “In generale, nella ferramenta tradizionale è apprezzato il catename saldato zincocromato in scatole o su bobine plastica con l’aggiunta di catene antifurto in spezzoni sia rivestite in PVC termoretratto sia in guaine tessili diversamente colorate”, risponde Andrea Scaioli di Scaioli Catene, che aggiunge: “Oltre ai normali articoli venduti in ferramenta, nella GD una buona parte delle vendite è rappresentata dalle catene decorative nelle varie finiture nichelate, ottonate, bronzate eccetera, opportunamente presentate su bobine di plastica di vari colori a scelta del cliente”. “Tutti i nostri modelli trovano allocazioni nei negozi di ferramenta e nella GD”, afferma Andrea Segalla di CVM. “Sicuramente quelli con diametro 6 mm e 7,5 mm sono i più comuni e i più facili da reperire”. “Gli articoli ‘storici’ (catena genovese zincata in cartoni e in bobine, catena genovese nichelata e ottonata in scatolette) sono ancora i più richiesti in ferramenta. Grande successo sta riscuotendo anche la linea di catene in acciaio inox sia in 304 sia in 316 fornite in matasse lucide”, sottolinea Walter Cortiana di 3C Catene. “Teoricamente, per la GD sono indicati gli stessi modelli del canale ferramenta. Non vendiamo direttamente alla GD soprattutto perché commercializziamo esclusivamente la catena di piccole dimensioni da noi prodotta e, pertanto, non potremmo fornire l’intera gamma richiesta da questo canale”.


Innovazione costante

Per affermarsi in questo settore, è fondamentale aggiornare i processi produttivi. “L’innovazione incrementale nel processo produttivo è uno degli obiettivi costanti che ci poniamo”, osserva Walter Cortiana di 3C Catene. “Oltre che renderci molto flessibili per le richieste del mercato e dotarci di una grande capacità produttiva (35.000 metri di catena al giorno), il vantaggio di progettare e fabbricare internamente macchinari e attrezzature ci permette di intervenire direttamente e costantemente sul monitoraggio della qualità del prodotto. Nell’ultimo anno abbiamo migliorato alcuni sistemi elettronici per il controllo della qualità estetica e di tenuta della saldatura della maglia di catena. Inoltre, abbiamo rafforzato alcuni sistemi di controllo per il rispetto delle tolleranze dimensionali del prodotto che dichiariamo a catalogo e che sono un forte elemento qualitativo di differenziazione con la concorrenza”. “CVM è in continua evoluzione nei processi produttivi e, dopo aver ‘battezzato’ il sistema di produzione con metodo continuo, l’investimento ora è rivolto ai macchinari di ultima generazione per incrementare la produttività e ridurre costi e sprechi”, evidenzia Andrea Segalla. “Le ultime novità nei nostri processi produttivi hanno interessato il sistema di imballo e di confezionamento per la produzione di nuovi articoli”, spiega Andrea Scaioli di Scaioli Catene.

 

Un’ottima annata

Nel 2014 il business sta facendo registrare ottime performance. “Il mercato nel nostro settore è in crescita”, conferma Andrea Segalla di CVM. “A oggi posso con orgoglio affermare che il nostro fatturato di vendita sta facendo segnare un +8% rispetto al 2013”. “Il 2014 sta procedendo positivamente e il fatturato attuale è superiore del 9% rispetto a quello del 2013”, afferma Walter Cortiana di 3C Catene. “L’incremento è arrivato da nuovi clienti, mentre quelli attuali hanno mantenuto i volumi di acquisto precedenti. Interessante è riscontrare un crescente interesse da parte di aziende che acquistano catene di tutte le dimensioni, ma che percepiscono la possibilità di risparmiare servendosi di più fornitori, ordinando direttamente alla fonte”. È un orizzonte a tinte un po’ più fosche quello tracciato da Andrea Scaioli di Scaioli Catene: “La situazione è abbastanza stabile, anche se i prezzi bassi in questo momento non aiutano più di tanto le vendite”.

 

Si esporta molto

Anche nel settore delle catene l’export ha un gran peso. “Di fondamentale importanza è il mercato estero, soprattutto europeo, dove esportiamo la maggior parte delle catene decorative non saldate”, sottolinea Andrea Scaioli di Scaioli Catene. “Il 60% delle nostre vendite è rivolto al mercato estero dal 1974 (anno di fondazione) e questo, oltre a una clientela fidelizzata negli anni, ci ha permesso di realizzare il risultato sopra esposto pur avendo lasciato inalterati i listini di vendita dal 2012”, afferma Andrea Segalla di CVM. “Esportiamo ormai abitualmente in tutta Europa e nel bacino del Mediterraneo”, conclude Walter Cortiana di 3C Catene. “La quota export sulle vendite si aggira intorno al 26% “.

 

Tags:

Ferramenta 2000- Magazine

Gli Speciale Web