Scarica la tua rivista!


image

Le idropulitrici hobbistiche trovano applicazione in svariati settori. In generale, si possono distinguere tre categorie di utilizzo: outdoor (per esempio per la pulizia dell’ambiente e arredo esterno, giardini, verande eccetera), automotive/moto (per esempio parti interne, carrozzeria eccetera) e nautica (gommoni, barche, scafi, cime eccetera). Vediamo come si sta sviluppando il business e quali sono le principali strategie adottate da alcuni operatori del settore.

 

Lo scenario della domanda


Matteo Viccardi, regional product manager lawn & garden di Bosch, esordisce affermando che “l’offerta di idropulitrici è molto ampia nel mercato italiano. Tralasciando le macchine ad acqua calda, utilizzate perlopiù da una clientela di tipo professionale, è possibile trovare idropulitrici con caratteristiche molto diverse tra loro e prezzi al pubblico che variano dai 50 ai 500 euro”. Sono proprio le condizioni del mercato di questo tipo di macchine, che rientrano nelle applicazioni hobbistiche, ad apparire poco rosee. Le valutazioni degli operatori confermano un trend non positivo, sia perché c’è un calo della domanda sia perché le richieste si rivolgono verso prodotti a più basso contenuto di prezzo. Simone Cazzaniga, product manager home & garden di Kärcher, spiega che “nel 2013 GFK ha rilevato una flessione del fatturato e una tendenza ad acquisti verso prodotti di fascia più economica. Per il 2014, grazie alla nuova gamma di idropulitrici e a diverse attività di marketing a supporto delle vendite, contiamo di contribuire a un’inversione di tendenza del mercato”. In poche parole, ciò significa che a fronte di un comparto che si sta “deprimendo”, le strategie delle aziende puntano ad alimentare una domanda più sofisticata e segmentata a seconda degli utilizzi delle macchine stesse. Tale politica viene perseguita anche con particolari politiche di trade marketing. È il caso di Lavorwash, il cui responsabile marketing, Dante Rossetti, sottolinea che “la vera tendenza è riuscire a offrire una gamma di prodotti che soddisfi tutti le esigenze tecniche e di spesa dei consumatori. Abbiamo gamme complete di idropulitrici specifiche per ogni singolo canale di vendita. La massima visibilità del marchio viene sostenuta da una vasta gamma di prodotti diversi per design e prestazioni. Essendo poi prodotte in Italia, riusciamo anche a sviluppare gamme a marchio del cliente con colori e linee a lui dedicate”. Un’altra strategia è il riposizionamento del marchio su livelli medio-alti, così da accrescere l’immagine del brand sulla clientela. Maria Benassi, marketing manager di Annovi Reverberi, chiarisce che “a discapito delle tendenze generali del mercato, il marchio di casa AR Blue Clean si sta imponendo bene sul mercato grazie al sapere costruttivo e alla qualità che da sempre sono sinonimi per Annovi Reverberi. In Italia, è un marchio che si sta facendo apprezzare e riconoscere nel medio alto, ovvero in una fascia di ingresso più elevata rispetto a un semplice entry-level. Questo grazie anche a una vendita capillare sul territorio nazionale e a un prodotto che incontra e soddisfa le necessità dell’utente finale”. Secondo Serena Filippi, dell’ufficio marketing di Mgf, “l’evoluzione delle vendite e dei prezzi appare decisamente stazionaria”.

 

I modelli di punta nell’outdoor


In ogni categoria di utilizzo gli operatori propongono particolari linee di prodotto e/o specifici modelli. Per quelle outdoor, per Annovi Reverberi Maria Benassi indica “l’AR 481. Si tratta di un carrello robusto, fra i cui punti di forza si possono citare il filtro acqua ispezionabile, il porta accessori integrato on-board per permettere un utilizzo ordinato e versatile, nonché la dotazione del TSS per l’arresto totale dell’apparecchio a distanza. Il serbatoio detergente è da 1,4 litri e l’aspirazione del detergente è diretta”.Simone Cazzaniga individua “tre modelli Kärcher da preferire in base alle diverse esigenze. Il modello K2, corredato con il premium home kit, costituisce la soluzione ottimale per l’uso occasionale ed è perfetto per pulire mobili da giardino, piccoli vialetti, le ruote della bicicletta o i balconi. Più adatte per il lavaggio di ambienti esterni di dimensioni medio grandi sono la K4 e la K5, sempre corredate del kit specifico per la casa”. Nel caso di Lavorwash, Dante Rossetti sottolinea che “per questo tipo di utilizzo, e più in particolare per la pulizia degli esterni, si consigliano le macchine ad acqua fredda, pratiche da maneggiare”.

 

Accessori: più ce n’è, meglio è


L’accessoristica rappresenta uno dei principali punti di forza nell’offerta dei vari operatori. In proposito,Maria Benassi sottolinea che “Annovi Reverberi ha un range ricco e professionale di accessori da utilizzare a corredo delle sue macchine. Ve ne sono tanti nel caso della pulizia di larghe superfici o pareti e per diversi modelli di patio, utili per la pulizia di larghe superfici o pareti, nonché disponibili nella versione con e senza detergente. Un altro accessorio utile è il tubo da 10 metri per la pulizia di tubazioni e grondaie, molto utilizzato anche in ambito domestico per il suo facile e intuitivo impiego. Il water suction kit è adatto per la rimozione di acqua in caso di perdite o allagamenti. È anche molto utilizzato per la pulizia di piccoli acquitrini o stagni da giardino. L’acqua prelevata può essere facilmente riutilizzata. Anche le spazzole per una pulizia di vetrate o parabrezza di macchine sono molto richieste”. Dante Rossetti pone l’accento sul fatto che “oggi gli accessori per idropulitrici non si contano e questo deve far capire quanto questo elettroutensile sia versatile e adatto a risolvere molti bisogni nella nostra quotidianità. Fra gli accessori più richiesti vi sono le sonde spurga tubi per disotturare tubi, grondaie e condutture sia dentro sia fuori casa, spazzole setolate per pulire auto/arredo giardino, una vasta gamma di detergenti, ognuno con uno specifico impiego, lance curve per pulire sottoscocca dell’auto, lance particolari per poter erogare pesticidi su alberi ad alto fusto e lava superfici che permettono di pulire selciati e pavimenti esterni”.

Matteo Viccardi ammette inoltre che “i numerosi accessori disponibili rendono possibile 'vestire' l’idropulitrice nel modo migliore per il lavoro da effettuare. Se pensiamo per esempio al mondo del lavaggio auto, esistono accessori come la spazzola rotante o l’ugello a 90° ideati specificatamente per questa applicazione. Possiamo poi citare quelli per la pulizia di ambienti esterni, come spazzole per il patio, lance rotanti mangia sporco, o quelli per la pulizia di gronde e tubi. Nel caso di Bosch, il principale vantaggio di tutti i nostri accessori è di avere un attacco rapido che permette un avvio veloce e semplice del lavoro di lavaggio, cosa particolarmente apprezzata dai nostri clienti. Il loro uso è intuitivo permette anche agli utilizzatori meno esperti di trarne il massimo dei benefici”.

 

Il ruolo del service


Nel canale della ferramenta il ruolo del service assume particolari caratteristiche. Maria Benassi precisa che “è fondamentale poter contare su un’assistenza pronta e competente. L’utente è preparato, professionale e vuole avere risposte certe e sicure a ogni richiesta d'intervento. La ferramenta è infatti un universo che richiede tempestività e una rete di assistenza su cui contare per soddisfare le richieste di un pubblico esigente. A tale proposito, è importante sottolineare i due anni di garanzia che Annovi Reverberi dà sempre sull’acquisto di un suo prodotto”. Dante Rossetti concorda e afferma che “in questo caso il focus è infatti sul consumatore finale e non sul canale distributivo. Oggi, il consumatore si aspetta il massimo del servizio da un distributore che si affida alla struttura tecnico/commerciale di Lavorwash che – voglio ricordare – l’anno prossimo festeggerà i 40 anni di attività”. Simone Cazzaniga osserva che “il ruolo del rivenditore è fondamentale, in quanto grazie alla sua esperienza e conoscenza, dovrebbe consigliare l’idropulitrice più adatta alle necessità del cliente, il quale fornisce spesso in prima istanza solo una richiesta generica. In tal caso l’addetto, dopo aver capito a fondo le esigenze dell’utente finale, deve saper fornire consigli adeguati per l’acquisto più idoneo. La parte di Kärcher in questa catena di conoscenze è quella di 'formare' al meglio il rivenditore fornendogli, anche per mezzo di corsi specifici, le informazioni necessarie per vendere al meglio i nostri prodotti”. Matteo Viccardi sostiene che “il supporto e l’assistenza alla vendita sono sempre importanti, a prescindere dal canale di vendita. Questo a maggior ragione se parliamo di idropulitrici di gamma medio-alta, dove consigli e indicazioni sul prodotto sono decisivi nel processo d’acquisto”. Anche Serena Filippi è dello stesso parere, perché sottolinea che “il service ha un elevato impatto su vendita e assistenza dedicata a tali tipo di apparecchi”.

 

I modelli di punta nell’ automotive

 

In questa categoria di utilizzo, Maria Benassi propone “la gamma Annovi Reverberi a caldo con carter in acciaio AISI 430. Il modello 1018 e 1018H sono due esempi molto validi per rappresentare la categoria di lavaggio. Si tratta di macchine dalle prestazioni professionali ottime per l’utilizzo in stazioni di servizio o autolavaggi. Il modello 1018 H è utilizzabile anche con acqua calda”. Simone Cazzaniga afferma che “Kärcher offre i K4 e K5 corredati da kit auto specifico, come ugello schiumogeno, detergente per auto e spazzola rotante. Per la pulizia della scocca del veicolo è possibile acquistare a parte il T-Racer lava-scocca che rimuove fango, polvere, pantano, sabbia e sale e, grazie a un ugello speciale, permette di applicare la cera sulla carrozzeria. Aggiungendo una spazzola morbida per cerchioni o la lancia Mini vario power, specifica per parafanghi e zone difficili da raggiungere, l’idropulitrice può adattarsi in un perfetto strumento di pulizia per la moto, e non solo”. Serena Filippi sottolinea che “Mgf in questo settore propone la Cleanmatic. È adatta per rimuovere sporco e incrostazioni da qualsiasi superficie e per la disostruzione di tubi. Per le temperature raggiunte è in grado di garantire una pulizia a fondo. Inoltre, è facile da trasportare perché è dotata di maniglia. Gli accessori disponibili sono il kit detersivo (di serie) e la lancia idropulitrice (senza prolunga)”. Nel caso di Lavorwash Dante Rossetti spiega che “per la pulizia di moto riscuotono molto successo le idropulitrici con motore a scoppio, pratiche da utilizzare anche sui campi gara, come per esempio per il motocross”.


 

I modelli di punta nel nautico

 

In riferimento alla nautica, Maria Benassi afferma che “uno dei modelli Annovi Reverberi idonei è il carrello in acciaio 1007 con RLW. Pur avendo una struttura solida, è versatile e di facile utilizzo anche su terreni sconnessi grazie alla sua struttura leggera ma robusta”. Simone Cazzaniga consiglia “idropulitrici più potenti e adatte all’uso prolungato. Nel caso di Kärcher sono perfetti i modelli K4, K5, K7 con motore raffreddato ad acqua”. Dante Rossetti assicura che “in questo settore Lavorwash propone la gamma più completa presente nel mercato di idropulitrici ad acqua calda, ideali per eliminare i residuali di alghe”. La linea d’offerta di Bosch risulta più versatile. Matteo Viccardi spiega infatti che “i nostri tre modelli di idropulitrici (AQT 33-10, AQT 35-12 e AQT 37-13) sono impiegabili per molteplici utilizzi, dal lavaggio auto o imbarcazioni, alla pulizia di ambienti esterni come terrazzi o giardini. Trattandosi di modelli di facile montaggio e utilizzo, le nostre macchine sono particolarmente apprezzate da un pubblico di hobbisti che necessita di un aiuto nelle svariate attività di pulizia legate alla casa o al tempo libero”.


 

 

Ferramenta 2000- Magazine

Gli Speciale Web